Natura

All’interno dei Parchi Nazionali e delle numerose aree protette, disseminate non solo sugli Appennini abruzzesi, ma anche sulle dolci e fertili colline dell’entroterra, è custodito uno dei più ricchi patrimoni di specie vegetali e animali d’Europa.

Valle di Amplero

La Vallelonga è una delle valli longitudinali dell’Appennino abruzzese. È disposta in direzione sud-est, parallela alla Valle Roveto da cui è divisa dalla Serra Longa. Per un lungo tratto assume l’aspetto di un vasto altipiano carsico.

Collelongo è incastonato fra il monte Cona ed il monte Malpasso, nella parte centrale della Vallelonga, a sud-ovest della Marsica, a circa 915 metri sul livello del mare, fra magnifici boschi di faggio, acero e cerri.

Al confine con il Parco Nazionale D’Abruzzo Lazio e Molise, Collelongo offre un rapporto privilegiato con la natura.

Nei suoi boschi e sugli alti gruppi montuosi, vivono gli ultimi esemplari di alcune specie salvate dall’estinzione: l’Orso Bruno Marsicano (Ursus arctos marsicanus), il Lupo Appenninico (Canis lupus italicus), un tempo diffuso lungo l’intero arco degli Appennini, il Cervo, il Capriolo, il Gatto Selvatico, il Gufo Reale e il Falco pellegrino.